I BUS Sincroni


Sez. 3.4.4 del libro di Testo "Architettura dei Computer" Andrew S. Tanenbaum. titolo originale "Structured Computer Organization 5th Edition "

I bus si possono dividere in due categorie ben distinte: Sincroni e Asincroni. Un bus Sincrono e' chiamato così poichè tutte le attività su tale bus sono sincronizzate per mezzo di un clock. II clock non è altro che un'onda quadra con una frequenza solitamente fra 5 MHz e 100 MHz. Tutte le attivitá del bus richiedono un numero intero di questi cicli, chiamati cicli del bus.

Facciamo vedere un esempio di come funziona un bus sincrono in una operazione di lettura in cui si ha la CPU come Master e la memoria come Slave.

 

 

Analizziamo adesso le fasi dell’operazione di lettura ( fig. 3.38a del testo di Tanenbaum). Si prega di notare che nessuno dei fronti ascendenti e discendenti del segnale di clock verrà disegnato perfettamente verticale, questo perchè nessun segnale elettrico è in grado di cambiare il suo valore in tempo zero. Poichè l'indirizzo non è un valore singolo, come il clock, non siamo in grado di mostrarlo come una linea singola; invece viene rappresentato con due linee che si intersecano quando cambia l'indirizzo. Inoltre, l'ombreggiatura prima dell'incrocio indica che il valore in quel momento non è importante. Utilizziamo lo stesso sistema di ombreggiatura anche per le linee dei dati.

 

 

In questa seconda animazione completa viene mostrato in dettaglio il ruolo del CLOCK.

 

 

Andiamo a vedere adesso in dettaglio quali sono i vincoli temporali imposti da un Bus sincrono, in particolare per il Bus del nostro esempio fig. 3.38a

fig. 3.38a
Passando con il puntatore del mouse sulle sigle del seguente diagramma temporale se ne ha una descrizione.

 

fig. 3.38b

HOME